Mettiti in contatto con noi...

Area contatti studio Medico Verolino

Se sei interessato ai nostri interventi di chirurgia plastica estetica non esitare a contattare il nostro centro.
Un nostro operatore sarà lieto di assisterti!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Rec. telefonico (facoltativo)

Città (richiesto)

Intervento/trattamento (richiesto)

Il tuo messaggio (richiesto)

Allega una foto (facoltativo)

Autorizzo il trattamento dei dati (richiesto)

[jeg_googlemap zoom="14" ratio="0.6" title="via de pretis" lat="40.84000139999999" lng="14.253934100000038"]
via A. De Pretis, 137 - 80133 Napoli
(angolo P.zza Municipio)
Si riceve su appuntamento 081.551.50.78
lun., mar., merc., giov., 15:00->20:00
via De Meis, 101 - 80147 Napoli (Ponticelli)
Si riceve su appuntamento
Numero Verde 800.030.151
[jeg_googlemap zoom="14" ratio="0.6" title="via de meis" lat="40.8518013" lng="14.33360140000002"]

Rischi e pericoli dell’intervento di mastoplastica additiva

*Disclaimer: Come tutti i trattamenti estetici i risultati possono variare da paziente a paziente.
Contrattura Capsulare Protesi Mastoplastica Additiva

L’intervento di mastoplastica additiva è ampiamente standardizzato, ma come tutti gli interventi di chirurgia può presentare complicanze generiche e specifiche associate ad esso, la più comune è la contrattura capsulare.
Bisogna dire che con l’avvento degli ultimi dispositivi protesici, tale evenienza si verifica molto raramente.

Esistono vari gradi di contrattura capsulare e nei casi più gravi si pone l’indicazione ad un nuovo intervento chirurgico che può essere di indebolimento della capsula, o di rimozione della capsula stessa ed in alcuni casi può essere necessario effettuare il cambio dell’impianto protesico.

Contrattura capsulare protesi mastoplastica additiva

Contrattura capsulare protesi mastoplastica additiva

Un’altra evenienza che può verificarsi, anche se in una bassissima percentuale di pazienti, è lo sviluppo di una infezione intorno alla protesi.

Normalmente accade nel primo post-operatorio (dopo 7-10 giorni).
Nei casi più importanti può essere necessario rimuovere la protesi ed attendere alcuni mesi prima di riposizionare una nuovo impianto.

La sensibilità  del complesso areola-capezzolo può aumentare, diminuire o essere quasi assente.
Tale sintomatologia tende a risolversi spontaneamente nello spazio di alcuni mesi.
In alcuni casi può richiedere anche un anno o più e raramente può essere definitiva.
Talvolta, anche se accade difficilmente, le protesi possono rompersi, la rottura è generalmente sempre dovuta ad un trauma importante.

Se le protesi sono in soluzione salina, nello spazio di poche ore la mammella interessata risulterà  molto più piccola dell’altra.

In caso di protesi in gel di silicone è molto più difficile accorgersi della rottura perché generalmente la capsula peri-protesica non consente lo spandimento del gel in tempi brevi (settimane o addirittura mesi).
Il verificarsi di fenomeni inusuali deve portare la paziente a recarsi dallo specialista per effettuare accertamenti diagnostici.
Nel caso di rottura dell’impianto, anche se non esiste il carattere di urgenza, è necessario sottoporsi ad un intervento di revisione per rimuovere il gel, ripulire la tasca da residui di silicone e sostituire la protesi mammaria.

Visita gratuita mastoplastica additiva a Napoli

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Rec. telefonico (facoltativo)

Città (richiesto)

Intervento/trattamento (richiesto)

Il tuo messaggio (richiesto)

Allega una foto (facoltativo)

Autorizzo il trattamento dei dati (richiesto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *