skip to Main Content

Labioplastica additiva o riduttiva, chirurgia intima per la donna

*Disclaimer: Come tutti i trattamenti estetici i risultati possono variare da paziente a paziente.
Labioplastica Additiva O Riduttiva, Chirurgia Intima Per La Donna

Il Dr. Pasquale Verolino è un chirurgo estetico specializzato nell’intervento di labioplastica additiva e riduttiva e opera a Napoli e Caserta.
La labioplastica è un’intervento di chirurgia intima che aiuta a ripristinare un corretto aspetto dei genitali femminili.
A causa di fattori congeniti, al trascorrere del tempo o semplicemente per motivi legati alla gravidanza,  le parti intime possono non corrispondere più ai desideri della donna, generando quindi sensazioni di frustrazione e sfiducia.
Una imperfezione delle parti intime o una minima incontinenza urinaria può spesso incidere in modo negativo nell’ambito della sfera sessuale.

Scegliere di migliorare l’estetica dei genitali femminili per una donna significa quindi spesso riappropriarsi di una immagine sicura e tranquilla eliminando l’imbarazzo che alcuni difetti provocano nella vita di relazione.
labio_iconLa labioplastica è un intervento volto a ridefinire sia le piccole che le grandi labbra vaginali.
Non c’è una necessità fisica, nella maggiorparte dei casi, ma solo una di ordine psicologico. La maggiorparte delle donne che ricorrono a questo tipo di operazione, desidera ridurre il volume delle grandi labbra vaginali per non aver problemi inestetici indossando un pantalone attillato, o per evitare problemi andando in bicicletta, o per non provare quella sensazione di fastidio che inibisce quando si è al mare o in biancheria e le protuberanze si notano.
Esistono due tipologie di intervento, labioplastica vaginale riduttiva e quella additiva.

Labioplastica riduttiva

L’intervento riduttivo si effettua quando le piccole labbra sono allungate o diseguali, per ridurle e renderle perfettamente simmetriche. Nello stesso intervento è inoltre possibile eliminare l’eventuale iperpigmentazione della porzione terminale delle piccole labbra.

Labioplastica additiva

L’intervento di labioplastica additiva, invece, si effettua quando le grandi labbra sono atrofiche, o prive di tono o di spessore, l’autotrapianto consente di restaurare una condizione estetica ottimale. Il grasso viene rimosso da un distretto anatomico stabilito insieme alla paziente (per esempio l’addome o l’interno delle cosce) e dopo viene trapiantato nelle grandi labbra per migliorarne l’aspetto estetico (tecnica di lipofilling).
La labioplastica rimuovendo l’eccesso di pelle e mucosa ridona armonia e comfort.

L’intervento

L’intervento può essere eseguito in combinazione con altri interventi di ringiovanimento dei genitali femminili come lifting vulvare, il restringimento della vagina o l’imenoplastica e dura circa 1 ora.
Subito dopo l’intervento bisogna aspettarsi gonfiori più o meno accentuati che si riassorbono dopo 1-2 giorni.
L’eventuale sangue lungo le linee di sutura, può essere rimosso con del cotone inumidito con della soluzione fisiologica.
Si formeranno piccoli edemi attorno alle piccole labbra che tenderanno a scomparire entro una settimana.
I fili di sutura non vanno rimossi essendo riassorbibili, in alcuni casi possono essere rimossi dopo 10 gg. Le cicatrici si ridurranno a linee sottilissime appena o per niente visibili dopo circa 30 giorni.
Nella labioplastica additiva, per l’aumento delle dimensioni delle grandi labbra, viene iniettato adipe con o senza l’ausilio di sostanze autologhe (prelevate dallo stesso soggetto).
Prima della correzione delle labbra, bisogna smettere di utilizzare analgesici dal gruppo degli antinfiammatori non steroidei che contengono l’acido acetilsalico, come aspirina, Andol o Acisal.
Ciò riduce la comparsa di emorragie o ematomi durante e dopo l’operazione, il che aiuta e accelera notevolmente la convalescenza e migliora il risultato dell’operazione.
L’operazione di ricostruzione ed il lifting delle labbra ed il rimodellamento vaginale sono esigenze di ordine prettamente psicologico. Talvolta, la ricerca della perfezione tende a far sottovalutare le complicazioni che potrebbero insorgere.

Post operatorio intervento di labioplastica

Dopo un intervento di labioplastica possono verificarsi dei sanguinamenti ma possono avvenire 1 o 2 giorni dopo l’intervento.
Essi sono estremamente rari ma bisogna comunque prenderli in considerazione.
Nei pazienti che hanno difficoltà a cicatrizzare, le linee di sutura potrebbero apparire arrossate e ruvide per più settimane. In questo caso il chirurgo può consigliare un trattamento adeguato. Si consiglia di non utilizzare creme, durante la settimana che segue l’intervento, ma solo disinfettanti locali per l’igiene intima.
Infine è consigliabile evitare rapporti sessuali almeno per i 10 giorni successivi.
Insomma i problemi sono più psicologici che fisici: le donne ci tengono ad avere una vagina dall’aspetto perfetto, e dunque ricorrono alla labioplastica. Esistono poi donne che vi ricorrono per bisogni più reali, donne che hanno un certo prolasso oppure donne che soffrono di ipertrofia delle grandi labbra (aumento della dimensione delle cellule che compongono un tessuto), e che quindi possono avere effettivi disagi fisici.

Foto intervento di labioplastica

Foto intervento di labioplasica Napoli

 

Costi labioplastica

I costi dell’intervento di labioplastica additiva o riduttiva sono variabili in relazione ad una serie di fattori. La determinazione specifica del costo di un determinato intervento è possibile soltanto approfondendo il caso attraverso una visita medica gratuita.

 

Visita gratuita labioplastica Napoli

Il tuo nome (*)

La tua email (*)

Rec. telefonico (*)

Intervento/trattamento (*)

Il tuo messaggio (*)

Allega una foto (facoltativo)

Autorizzo il trattamento dei dati (richiesto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back To Top